www.visitmanfredonia.it
Agenzia di promozione del territorio
Manfredonia

Fondata poco dopo il 1250 da Manfredi, figlio dell'imperatore Federico II, sorta sulle rovine dell'antica Sipontum, abbandonata a causa di terribili terremoti e dalla malaria; città, quest’ultima, di spiccate risorse economiche tanto che il suo porto era considerato uno dei principali della regione oltre a costituire testa di ponte per l’imbarco da e per l’Oriente.

Manfredonia, dopo aver subito  nel corso dei secoli numerose traversie, e dopo svariati decenni, cerca il suo riscatto imponendosi, negli ultimi anni, soprattutto nel campo turistico. Le principali risorse della sua economia sono l'agricoltura e la pesca che attualmente caratterizzano il suo tessuto economico.

La città - urbanisticamente e artisticamente - ha conservato, nonostante le dominazioni e i saccheggi, importanti tracce della sua storia a cominciare dal Castello Svevo-Angioino (fatto erigere da Manfredi nel XIII sec), dagli anni ‘60 sede anche del Museo Archeologico Nazionale. Al suo interno meritano una attenta visita le sale che conservano le "Stele Daunie", stele funerarie in pietra calcarea (dell'VII-VI sec. a.C.) che  raccontano, in una sorta di corrispondenza ante-litteram, la vita dei nostri antenati Dauni. La costruzione,  progettata dall’architetto francese Angicourt e iniziata nel 1270, poté resistere fino al 1620 allorchè i Turchi, nella loro furia devastatrice, distrussero quasi del tutto Manfredonia e la maggior parte dei suoi monumenti.

Da visitare: il Duomo, dedicato a San Lorenzo Majorano, anch’esso distrutto dai Turchi nel 1620. Fu ricostruito quattro anni dopo, ma in dimensioni più ristrette. Al suo interno opere ascrivibili  all’arte bizantina, tra le quali, la statua lignea della Madonna di Siponto col Bambino, più comunemente denominata la "Madonna dagli occhi sbarrati", così chiamata perché, secondo un’antica  leggenda, avrebbe assistito ad un atto di violenza; l’icona raffigurante una Madonna con Bambino; il Crocifisso di San Leonardo.

La minuscola ma deliziosa Chiesa gotica di San Francesco del 1300, conserva importanti opere d'arte fra cui un Crocifisso ligneo del 1400 e un dipinto su legno del 1600 rappresentante la “Natività o Adorazione dei Magi”, dei pittori napoletani Licinio.

 La chiesa di Santa Chiara, antica abitazione patrizia trasformata in convento, al cui interno è conservato un prezioso altare barocco, oltre ad importanti quadri settecenteschi.

Interessante è anche il palazzo che oggi ospita la sede Municipale. Ex monastero di San Domenico, sorto sul finire del 1200 ad opera di Carlo d'Angiò, conserva un abside meglio noto come “Cappella della Maddalena” con affreschi trecenteschi, esposizioni museali e una collezione di antiche monete.

Sulla Statale 89, che da Manfredonia conduce a Foggia, sulla sinistra, due mirabili esempi di architettura religiosa: la  Basilica  di Santa Maria di Siponto (datata fra il 1100 e il 1200), antica sede vescovile, al cui interno - narra la leggenda - l'Arcangelo Michele sarebbe apparso in sogno al vescovo, Lorenzo Majorano, che contribuì alla rinascita religiosa del territorio; l’Abbazia di San Leonardo in Lama Volara (del 1100), importante complesso testimone di un’intensa attività monastica e sede di importanti Ordini Religiosi che l’amministrarono fino ai primi anni dell’800.

Il patrimonio archeologico e naturalistico di Manfredonia è testimoniato da quanto è emerso, o si è scoperto, nelle sue immediate vicinanze. Molto è custodito, e ottimamente allestito, nel Castello Svevo che racchiude anche i reperti rinvenuti a Coppa Nevigata, grotta Scaloria, dall'area dell'antica Sipontum e a Monte Saraceno.

Nella vicina Siponto c'è anche un piccolo Museo Etnografico che contiene, tra l'altro, una nastroteca dei vari dialetti pugliesi, oltre ad importanti reperti, testimoni delle attività marinare e agricole del territorio.

A poca distanza da Manfredonia, in direzione sud, a sinistra e a destra del fiume Candelaro c'è una propaggine, la più meridionale, del grande Parco Nazionale del Gargano. Si tratta della zona umida del Lago Salso e della Riserva Naturale Frattarolo, consistente in due territori acquatici contigui ma ben distinti, che costituiscono un patrimonio unico di paludi di grande suggestività. La Palude Frattarolo è costituita in gran parte da bassi acquitrini salmastri variamente distribuiti e il Lago Salso, da acque dolci sovrastate da imponenti canneti. Questa zona umida costituisce un richiamo ineludibile per numerosissime specie di uccelli, alcune delle quali anche rare, che preferiscono nidificare o svernare proprio qui. Lo spettacolo che si può ammirare dai vari capanni di avvistamento in determinati periodi dell'anno è davvero straordinario. A questo si aggiunge la possibilità di avvistare il Gobbo rugginoso, la rarissima "anatra dal becco blu", oltre ad altre specie altrove in estinzione.

Non poteva mancare, dulcis in fundo, l'aspetto più ludico per una città che vive anche di Carnevale, uno dei più popolari della regione, caratterizzato dalla maschera popolana “Ze Pepp”, fantoccio che rappresenta il povero contadino frastornato dai festeggiamenti e, che alla fine dei tre giorni, muore di polmonite.

Per la natura, la storia, l'archeologia e il folklore, Manfredonia rappresenta una meta obbligata per chi voglia portar via dalla provincia, un ricordo indelebile.

Luoghi da visitare: Chiesa Cattedrale; Chiesa di Santa Maria di Siponto; Chiesa di San Leonardo; Castello e Museo Archeologico Nazionale; Palazzo Delli Santi; Palazzo de Florio; Palazzo Cessa; Convento dei Cappuccini; Palazzo dei Celestini; Museo Etnografico di Siponto; Parco Archeologico di Siponto; Lido di Siponto; oasi naturalistica Lago Salso; pascoli e steppe pedegarganiche; Frazione Montagna.

 

 

Per Informazioni:

Agenzia del Turismo di Manfredonia, Piazza Libertà 1 – 71043 Manfredonia (FG)

tel: 0884/581998

e-mail: info@visitmanfredonia.it

 

Musei Manfredonia

Museo Archeologico Nazionale c/o Castello Svevo-Angioino – 71043 Manfredonia (FG)

tel: 0884/587838

 

Museo Etnografico Sipontino, Via Santa Maria Regina 2 – 71043 Manfredonia (FG)

tel: 0884/541527

Richiedi informazioni

Cerca e Prenota








Come arrivare

Treno Aereo Nave
Auto Bus    

newsletter

Lascia la tua email, Manfredonia Turismo ti invierà periodicamente tutte le sue promozioni, gli eventi e le novità.
AGENZIA DEL TURISMO PER LA PROMOZIONE DEL TERRITORIO
Piazza della Libertà, 1 - 71043 Manfredonia (Puglia)
Tel +39 0884 581998
eMail: info@visitmanfredonia.it


© Copyright AGENZIA DEL TURISMO PER LA PROMOZIONE DEL TERRITORIO - P.Iva 03881380715. Tutti i diritti riservati.
sviluppo web logovia