Boom 2017

Boom di arrivi e presenze a Manfredonia nel 2017

Dai dati ufficiali di PugliaPromozione la città del golfo segna 211.455 turisti (+22%) ed entra nella top 30 regionale.
Boom turistico di Manfredonia, che nell’anno 2017 registra un +22% (+ 5% la media regionale), risultando tra le località che segnano l’incremento più sostanzioso rispetto al 2016.

I dati ufficiali sono stati diffusi dall’Osservatorio di PugliaPromozione, e vedono la Puglia confermarsi tra le destinazioni preferite sia dal mercato nazionale che internazionale:“+4,8% gli arrivi complessivi (italiani + stranieri) e +5,2% i pernottamenti. Si attesta sul +7,2% l’incremento dall’estero con buone crescite in particolare da: Paesi Bassi, Australia, Stati Uniti d’America e Germania”.

Ottime performance anche per Manfredonia che registra un totale di 211.455 di presenze ed arrivi di italiani e stranieri (31.537 unità in più rispetto all’anno precedente), piazzandosi in graduatoria davanti a località rinomate, come Brindisi, Santa Cesarea Terme, Isole Tremiti, Trani, Bisceglie, Barletta, Castellana Grotte, Monte Sant’Angelo, Margherita di Savoia, Castro e Bisceglie.

Entrando nello specifico, Manfredonia ha fatto registrare tra gli italiani 34.906 arrivi e 140.670 presenze e tra gli stranieri 7.814 arrivi e 28.065 presenze, per un totale di 42.720 arrivi e 1682.735 presenze. A fare netto balzo in avanti rispetto al 2016 sono sicuramente le presenze degli italiani passate da 113.029 a 140.670, così come registra il segno più il numero di presenze straniere (da 25.516 a 28.065). Nel 2016, il numero totale di arrivi e presenze a Manfredonia era pari a 179.918.

Dati incoraggianti che fanno il paio con quelli diffusi dal Mibact ePolo Museale della Puglia, che a gennaio 2018 avevano incoronato Manfredonia come città regina del turismo culturale 2017 con le presenze registrate tra il Parco Archeologico di Siponto (81mila) Castello Svevo Angioino (68mila), i due siti piazzatisi rispettivamente al secondo e quarto posto tra tutti i siti regionali.

” I numeri, si sa, sono ostinati e spesso parlano da sé – commenta Saverio Mazzone, Amministratore Unico dell’Agenzia del Turismo -. L’impronta data dall’Amministrazione, negli ultimi anni, sulle politiche di riqualificazione e rilancio turistico sta centrando l’obiettivo. Non resta che perseguire la strada della valorizzazione e promozione, investendo nell’aumento del numero e della qualità dei servizi. Augurandoci che i vari fronti aperti sul tema della progettazione culturale mettano in moto un circuito virtuoso che si faccia leva di sviluppo economico ed aumento occupazionale. In uno con l’aumento di consapevolezza della nostra comunità sull’immenso patrimonio artistico e storico del territorio; un patrimonio che, giova sempre ricordarlo, appartiene a tutti i cittadini”.

L’abate Telera da Manfredonia

L’abate Telera da Manfredonia, esegeta di Celestino V

Venerdì 16 marzo, all’Auditorium “Serricchio”, la presentazione del prezioso saggio storico di Giacomo Telera.
Ci sono storie che fermano il tempo, o meglio recuperano e rendono merito a quella memoria storica  che, con l’incessante scorrere degli anni e l’avanzare delle tecnologie, rischia immeritatamente di cadere nell’oblio. Parte di un passato che tratteggia l’identità e la cultura odierna (non solo a livello locale), che, quindi, non può e non deve essere ignoto.  Ai tempi delle comunicazioni ultraveloci e digitali, ecco il prezioso e certosino lavoro di Giacomo Telera, che tra biblioteche e migliaia di impolverati documenti cartacei, ha condotto una ricerca dal titolo‘L’abate Telera da Manfredonia, esegeta di Celestino V’.

Il saggio storico, che segna l’esordio del giovane manfredoniano (un libro di 327 pagine, suddiviso in tre parti, edito per la Collana di ricerca storica da Andrea Pacilli Editore), sarà presentato a Manfredonia venerdì 16 marzo alle ore 18.30 presso l’Auditorium “Cristanziano Serricchio” di Palazzo Celestinialla presenza dell’autore, del sindacoAngelo Riccardi, diSaverio Mazzone (Amministratore Unico dell’Agenzia del Turismo), di Caterina Comino (archivista, paleografa, diplomatista) e Pasquale Ognissanti (Fondatore dell’Archivio Sipontino). A coordinare l’incontro, patrocinato da Comune e Agenzia del Turismo (da un biennio all’opera con profitto per recuperare e valorizzare la storia e la cultura locale), l’editore Andrea Pacilli.

‘L’abate Telera da Manfredonia, esegeta di Celestino V’ si ritaglia autorevolmente uno spazio di primo piano nella prestigiosa serie di pubblicazioni riguardanti la storia e le vicende culturali locali: la prima parte è biografica e si sviluppa in 16 capitoli; la seconda è la trascrizione di 28 importantissimi documenti (7 sono in latino) riguardanti l’abate, avo dello scrittore; la terza ed ultima parte riguarda le cronotassi abbaziali dei 39 monasteri celestini d’Italia, relative al periodo compreso tra il 1630 e il 1664. Ventotto le immagini presenti, delle quali 3 autorizzate dal Polo Museale d’Abruzzo e 2 dalla Biblioteca Malatestiana di Cesena, e ben 1090 le note a piè di pagina. Un lavoro certosino, è proprio il caso di dire, che ha visto il trentaseienne sipontino, funzionario pubblico e membro dell’Archivio Storico Sipontino e del Nuovo Centro Documentazione Storica di Manfredonia, girare in lungo e in largo, nell’arco degli ultimi sei anni, per acquisire testimonianze dirette, attraverso documenti custoditi in più di 40 luoghi, tra gli archivi e le biblioteche che sono stati teatro delle ricerche dello storiografo manfredoniano.

Dalla Biblioteque de l’Arsenal di Parigi allasezione di Palmi dell’Archivio di Stato di Reggio Calabriasono più di 80 i libri e i manoscritti consultati e citati nella pubblicazione di Giacomo TeleraMigliaia, poi, i documenti analizzati, soprattutto rogiti notarili, per ricostruire con precisione la figura dell’abate Celestino Telera: dottore di Sacra teologia e storico. Alcuni elaborati dell’abate Telera furono pubblicati, altri rimasero manoscritti e altri ancora sono andati perduti. Il più importante, che lo ha consacrato “uomo illustre nelle lettere nel Regno di Napoli” è ‘Historie Sagre degli huomini illustri per santità della Congregatione de Celestini’ (1648); successivamente raccolse, trascrisse, riordinò e migliorò gli opuscoli composti da Pietro del Morrone, dando alle stampe, nel 1640, ‘S. Petri Caelestini PP.V. Opuscula Omnia’.

Rimase manoscritto, invece, il ‘Tractatus de Indulgentia’ (1638). Questi testi vennero elaborati nel peregrinare da un monastero all’altro, durante l’ascesa ai vari gradi dell’Ordine monastico di appartenenza, che portò Telera al grado più elevato, per l’appunto quello di abate generale.

65° Carnevale di Manfredonia

Tanta attesa e grandi ospiti per il 65° Carnevale di Manfredonia, kermesse dall’appeal irresistibile e di qualità che vede le sue date clou il 4,11,13 e 17 febbraio.

 

Un’edizione, organizzata dall’Agenzia del Turismo di Manfredonia, che si prefigge di essere nuovamente un grande evento di piazza, che sia anche un volano per la città e per il territorio. E, giusto per dare qualche numero, sono previsti: 15 giorni di eventi, 8 ospiti nazionali, 4 sfilate, 6 gruppi per la Sfilata delle Meraviglie (patrocinata dall’Unicef), e poi 3 carri allegorici e ben 10 gruppi mascherati e tanto, tanto divertimento. Le Gran Parate del Carnevale di Manfredonia si contraddistinguono per l’originalità della sartorialità e della lavorazione di manufatti, costumi ed accessori (tutti rigorosamente artigianali), frutto della creatività e dell’estro non solo di sarte e maestri cartapestai, ma anche di docenti, mamme, nonne, zie, papà e giovani.

 

Favoloso , Meraviglioso, CARNEVALOSO! E’ il claim scelto per quest’anno, divenuto un vero e proprio tormentone. E, non a caso, sarà Diletta Leotta, affascinante giovane catanese ed astro nascente del giornalismo e della conduzione televisiva,  volto di punta di Sky a condurre la Gran Parata di Carri Allegorici e Gruppi Mascherati domenica 11 febbraio a partire dalle 10.30. Molto seguita sui social network (Instagram 2,1 milioni, Facebook 935 mila, Twitter 126 mila), dal 2015 è la conduttrice e il volto di Sky Calcio Show per la Serie B .

 

Ospiti in cima ai gradimenti social anche per la Gran Parata delle Meraviglie – unica al mondo nel suo genere e, per questo, patrocinata dall’Unicef – di domenica 4 febbraio (ore 10.30). Per la gioia di bimbi e teenagers ecco Matt&Bise il duo di Youtuber più amato d’Italia. Oltre 1,7 Mln di iscritti al proprio canale Youtube. I loro video vengono visualizzati oltre 196 Mln di volte. Più di 2 Mln di Followers su Facebook e 255mila Followers su Twitter. Vantano più di 1 Mln di seguaci sui rispettivi profili Instagram.

 

Per la conduzione della Golden Night di martedì 13 febbraio (ore 18) ci sarà l’istrionico Uccio De SantisL’attore comico e cabarettista pugliese solare e frizzante, riempie sistematicamente le piazze, indiscutibile termometro di gradimento della sua personalità. Dal 2001 crea e diviene la colonna portante del famoso programma comico Mudù – raccolta di sketch comici che vedono la collaborazione di attori e comparse locali – che registra ampi e meritati successi di pubblico, diventando appuntamento fisso di Telenorba.

 

Dulcis in fundo, gli ospiti della Gran Parata della Notte Colorata e de “LO SHOW” di sabato 17 febbraio (dalle 18 sino a tarda notte): La violinista H.E.R., la vocalist “cool” Isa B, il Dj Fargetta ed il rapper Shade (fenomeno mediatico musicale del momento). La Notte più pazza di Puglia inizierà alle ore 22, con il grande spettacolo di piazza (in collaborazione con ILSIPONTINO.NET).

La serata inizierà con un’ anteprima speciale, l’esibizione degli Skanderground, e proseguirà con il vocalist Dominikil DJ Max Famiglietti, tanti altri ospiti e ballerini per ballare insieme tutta la notte in una grande discoteca a cielo aperto per tutte le età. A calcare il palco saranno quattro ospiti dall’alta caratura artistica: Her con l’intrigante rivisitazione “elettronica” del violino, Isa B la voce più bella d’Italia – la vocalist per eccellenza -sempre al fianco di dj italiani e star internazionali, Mario Get Far Fargetta – tra i padri della dance italiana che abbraccia tre generazioni – storico Dj del Deejay Time il programma cult-dance di Radio DEEJAY che ha spopolato fino a qualche anno fa con record di ascolti, il rapper Shade il fenomeno mediatico-musicale del momento con “Bene ma non Benissimo” (tormentone estate 2017 – doppio disco di platino – ad oggi quasi 30 milioni di visualizzazioni su Youtube) ed “Irraggiungibile” con Federica Carta adesso in testa alle hit in Italia (disco di platino e 42 milioni di visualizzazioni).

 

Oltre ad ospiti di primi livello, il 65° Carnevale di Manfredonia offrirà tantissimi altri eventi, fra consolidate tradizioni e novità imperdibili, fra cui la 34^Edizione dei “Venti Minuti con il tuo Carnevale” il 12 febbraio, la terza edizione di “Ballo per Bar”, il ballo per casa “rivisitato” fra i locali del centro storico della città, fissato per martedì 13 febbraio dopo la Golden Night, il “Gran ballo della socia” in programma tutti i giovedì grasso, la seconda edizione della “Silent Socia” l’8 febbraio, i “Mercatini di Carnevale” in prossimità del Castello di Manfredonia, la pista di pattinaggio su ghiaccio e trenino turistico, visite guidate e l’appuntamento con il percorso gastronomico “Via Maddalena del Gusto” previsto il 16 febbraio, alla vigilia della Grande Notte Colorata.

 

“Con queste scelte abbiamo rafforzato il format di successo degli ultimi tre anni che ha rilanciato il Carnevale di Manfredonia tra gli eventi invernali di punta e più attesi di tutta la Puglia e non solo – ha dichiarato Saverio Mazzone, Amministratore Unico dell’Agenzia del Turismo -. Profili di forte appeal attraverso i quali i abbiamo colpito tutto l’immaginario collettivo possibile: la piazza, quella tradizionale, con Uccio De Santis; la piazza, quella nazional popolare della tv, con Diletta Leotta; la piazza, quella ultra moderna dei social, con Matt&Bise. Nomi importanti, di grande impatto e diversamente attrattivi, per amplificare l’appeal turistico della città e dare ossigeno all’economia della territorio e ringrazio il sindaco Angelo Riccardi per il supporto ed il sostegno a questo lungimirante progetto di sviluppo e promozione, già foriero dei primi risultati”.

 

Per tutte le informazioni ed il programma completo www.carnevalemanfredonia.it e le pagine social ufficiali Facebook, Twitter, Instagram e YouTube sui quali sarà possibile seguire le dirette streaming audio\video delle Gran Parate. Per l’acquisto dei tagliandi delle Tribune di Piazza Marconi www.bookingshow.it e\o presso le rivendite autorizzate a livello nazionale inserito in questo circuito.